NEW BRANDS: ZEN SNOWBOARDS

L’industria dello snowboarding non era così vitale dai primi anni novanta. Le ultime stagioni hanno visto diverse company nascere, portando le proprie tecnologie e cosa piu’ importante, costruendo per la maggior parte delle volte la propria attrezzatura. Noi di Sequence abbiamo setacciato il web e le fiere di settore alla caccia dei brand più promettenti. Oggi è il momento dello shaper & rider Svizzero Reto Neiger e della sua creatura Zen snowboards, una piccola ma interessantissima realtà con base a Meiringen. Reto costruisce solamente con le proprie mani velocissime tavola, ma organizza workshops sullo snowboard manufacturing, condividendo la sua preziosa conoscenza.

Quando e come è nata Zen?

La mia famiglia impilava la legna da ardere su alcune lunghe e pesanti travi di metallo accanto alla nostra casa a Hasliberg / Svizzera. Nell’estate del 2010 ho detto a mio padre: Heinz, voglio costruire una pressa per snowboard e quelle barre farebbero proprio al caso mio. Si alzò le palpebre e disse: Una pressa da snowboard? Qualche settimana dopo li ho tagliati di dimensioni approssimative, li ho caricati sulla mia Toyota Hi-Lux e li ho portati al mio laboratorio ad Interlaken.

È così che ho iniziato a costruire la mia prima pressa da snowboard. Il 19 gennaio 2011 ho estratto dallo stampo la mia prima tavola, una 168 Original Camber. Era un modo per mettermi alla prova, e quello fu praticamente l’inizio della mia carriera di costruttore di snowboard.

Cosa significa costruire tavole nel 2019?

La maggiore difficoltà per me è reperire materiale di buona qualità in piccole quantità. Ad esempio, il materiale delle mie solette è realizzato con una miscela particolare. Pertanto devo ordinare 500 metri come quantità minima. Molte aziende vogliono il pagamento anticipato. Tutto questo è estremamente impegnativo, dati i miei budget limitati.

Words by: Matteo Rossato
Photos by: Zen snowboards

Nell’estate del 2010 ho detto a mio padre: Heinz, voglio costruire una pressa per snowboard e quelle barre farebbero proprio al caso mio.

Cosa rende speciali le tue schede? Qualche ricetta o componente segreto?

Non seguo l’euforia della nuova forma. Per me è più importante vedere quali sono le esigenze dei miei clienti. Se credo che il mio lavoro possa aiutare a migliorare le loro capacità di guida, abbiamo un argomento. Molti documenti sembrano essere tagliati per chiedere ciò che è nuovo e nient’altro. Fortunatamente non capisco spesso questa domanda. Posso sentire di più come: dove posso adattarmi personalmente per migliorare e cosa si può fare con la forma ibrida Zen All Mountain per supportare davvero le mie esigenze. C’è qualcun altro che conosci?

Mi giro quando le persone parlano solo di forme. Nello stesso periodo di tempo in cui parliamo di forme, dobbiamo parlare di come guidiamo e di cosa dobbiamo fare per migliorare.

Il mio obiettivo è quello di costruire uno degli snowboard affidabili più veloci e versatili di sempre e restare con esso. La base Snowboard in combinazione con la macinazione della pietra è stata dimostrata in molti slalom con banco. La mia ricetta è di lavorare in modo molto pulito e prestare attenzione quando costruisco una tavola per un certo pilota. Per me è come fare snowboard: nient’altro conta in quel momento.

Dove vedi andare lo snowboard nel 2020?

Le giovani generazioni hanno ora l’opportunità di allenarsi in modo professionale e di spingere i limiti. Stanno costantemente alzando l’asticella come mai prima d’ora.

I guerrieri più anziani, ad esempio, continuano a evolversi e rispolverare le proprie abilità. Stanno lavorando a turno, condividendo esperienze e dando ai giovani un’idea di come invecchiare.

In generale, penso che il futuro snowboarder faccia sempre più parte dell’approvvigionamento di materiali / marchi locali, l’aggiunta di sistemi monetari locali alle grandi valute, il sostegno alla produzione alimentare locale, la trasparenza e la fiducia e così via.

Come possono le persone là fuori ottenere le tue schede?

Leggete attentamente sul sito Zen e se siete interessati scrivetemi una email E-mail o chiamatemi.

Share this Feature

Partners