Image Alt

Sequence Movie Zero

La stagione 2019 ha portato con sé molte novità per Sequence Magazine. Tra queste, una ci sta particolarmente a cuore: il primo Sequence Movie in assoluto. L’ultimo video che ritraesse la scena Italiana di snowboard risale al 2015, dopodiché si sono susseguiti tanti progetti che hanno fornito una sbirciatina parziale su determinate situazioni del panorama nazionale, ma nulla più. 

Con un grande inverno come quello scorso e l’impulso fornito da una leva di nuovi riders con voglia di fare e di mettersi in gioco davanti alla telecamera, ci è parso logico porci in prima fila perché uno snowboard movie Italiano accadesse di nuovo. In verità la genesi del progetto è stata abbastanza naturale: l’idea è scaturita contemporaneamente dai riders protagonisti e da noi di Sequence, che abbiamo concretizzato le intenzioni ed organizzato gli shooting per portare a casa il film. 

Dal punto di vista mediatico, da troppo tempo in Italia mancava un movie che desse voce ai nuovi talenti e ai resort Italiani. Questo progetto vuole promuoverli, mettendoli in connessione diretta con l’Europa – ed ai suoi riders più forti – attraverso il nostro media ed il suo esclusivo format, attento all’estetica ma anche al lato tecnico. Un prodotto Made In Italy con vocazione europea!” racconta Denis Piccolo, Sequence Magazine Editor in Chief.

Words by: Matteo Rossato
Photos by: Finn Pommeroi & Denis Piccolo.

“Da troppo tempo in Italia mancava un movie che desse voce ai nuovi talenti e ai resort Italiani. Questo progetto vuole promuoverli, mettendoli in connessione diretta con l’Europa.”

Le crew di riders erano principalmente 3 ed hanno lavorato indipendentemente su terreni e spot diversi con i loro filmer. I nomi dei nostri protagonisti sono: Emiliano Lauzi, Emil Zulian, Loris Framarin, Alberto Maffei, Nicola Dioli, Gianmarco Maiocco, Jack Errichiello e Nicola Ganz. Il video è stato filmato ad Arlberg, Prato Nevoso, Livigno, Seiser Alm, Stelvio, Innsbruck e Val di Fassa.

Filmare con Sequence è stato una bellissima esperienza!” afferma il rider Emil Zulian. “Con il mio background fatto principalmente di park e contest, filmare in backcountry è stata una sfida che mi ha fatto capire quanta fatica, dedizione e lavoro c’è dietro ogni singolo shot! Non vedo l’ora di ricominciare a filmare per il prossimo episodio!”

Anche il rider Emiliano Lauzi si è detto entusiasta: “Per me è un onore essere protagonista in un movie tutto Italiano, che manca davvero da troppo tempo!”

Il nome del film, nella sua essenzialità, è estremamente simbolico. Sequence Movie sta a significare che è il video di Sequence, non un progetto a cui abbiamo partecipato o che abbiamo sponsorizzato: ce ne prendiamo tutte le colpe e i meriti, oltre ad averne il pieno controllo. Zero perché non ha precedenti, quindi è il capostipite di una cosa totalmente nuova. Zero è anche un numero dal significato molteplice perché significa niente, nulla, che va però distinto da “assenza di valore”, ha infatti un significato completamente diverso. 

Per usare un paragone a noi caro, se ad esempio la temperatura è zero, l’acqua ghiaccia, situazione tutt’altro che priva di valore. Infine se lo zero è messo davanti ad un numero non ne modifica il valore, con una virgola lo decima, messo dopo lo decuplica. E qui ci ricolleghiamo al sottotitolo half full. Tutto dipende dalla prospettiva con cui guardi le cose ed affronti le situazioni: lo zero può essere niente, come può essere tutto, così come il bicchiere può essere mezzo pieno o mezzo vuoto. 

Il nome del video stesso racchiude in sé la nostra resilienza e voglia di continuare,” racconta Francesco Zoppei – Sequence Movie editor, “l’Episodio Zero (Half Full) vuole essere un forte segnale di positività riguardo la scena snowboard italiana ed internazionale.”

Questa morale vale sia per i rider, che si sono trovati spesso ad affrontare situazioni che solo la loro forza di volontà ha trasformato in occasioni e vittorie, sia per Sequence come media, che crede nel progetto mettendo due zeri dietro all’uno percentuale ed è certo che il bicchiere mezzo pieno non solo si riempirà fino all’orlo, ma traboccherà gloriosamente!    

Il nome del video stesso racchiude in sé la nostra resilienza e voglia di continuare, vuole essere un forte segnale di positività riguardo la scena snowboard italiana ed internazionale.”

Share this Feature