Image Alt

Life in White, inseguendo l’inverno senza mai fermarsi

By Denis Piccolo

“Fondamentalmente Life in White è la nostra vita: cerchiamo di inseguire l’inverno senza fine. La nostra casa è in Tirolo, in Austria in inverno, in estate voliamo a Nevados de Chillan, in Cile, e trascorriamo gennaio e febbraio in Giappone.”

Raccontatemi qualcosa di voi. Chi è Laura e chi è Gabriel?

Gabriel è originario della Catalunya. È nato e cresciuto a Reus, 100 km a sud di Barcellona e nella sua famiglia non c’è mai stata la tradizione di andare a sciare. Fondamentalmente è uno skateboarder della generazione degli anni ’90 che ha provato lo snowboard e si è appassionato completamente, finché questa passione è diventata la sua professione.

Laura è nata ad Alcoi, Alicante, ma si è trasferita a Valencia fin da piccola. Ha iniziato a sciare quando era bambina, all’età di 9 anni ha provato lo snowboard e da allora non ha mai più toccato gli sci. Ha studiato per diventare un’infermiera ma usando tutte le sue vacanze per perseguire la sua passione. Dopo la laurea ha finalmente potuto trascorrere la sua prima stagione invernale nei Pirenei. Lì ha incontrato un pazzo maniaco della fresca 13 anni più grande di lei, indovinate chi?

 

Quando è nata nella vostra testa l’idea di quest’avventura?

Abbiamo dato vita a Life in White praticamente quando abbiamo iniziato a stare insieme, circa 9 anni fa. All’epoca non avevamo un nome per il nostro progetto, non era nemmeno un progetto, ma fin dal primo giorno Laura ha documentato le nostre avventure, non l’avevamo pianificato, ha preso forma naturalmente. Abbiamo iniziato a condividere le nostre esperienze e avventure e alla gente è piaciuto, questo ci ha motivato a continuare. Fondamentalmente Life in White è la nostra vita: cerchiamo di inseguire l’inverno senza fine. La nostra casa è in Tirolo, in Austria in inverno, in estate voliamo a Nevados de Chillan, in Cile, e trascorriamo gennaio e febbraio in Giappone.

Il nostro furgone è sempre stato parte della famiglia ed un membro molto importante nelle nostre avventure e nella vita in generale. Non possiamo immaginare la nostra vita senza un van. È la cosa più simile alla libertà: guidi dove vuoi, quando vuoi e quando sei stanco ti fermi e basta. Puoi dormire nei posti più belli e, cosa più importante, anche nel parcheggio delle stazioni sciistiche ed essere il primo sugli impianti di risalita al mattino. È come avere la tua piccola casa accogliente con te ovunque tu vada!

Parlatemi di cosa vi ha maggiormente stupito di ogni paese che avete visitato.

È difficile scegliere dei luoghi specifici. La bellezza di ogni posto non si basa solo sul luogo stesso, ma anche sul momento della tua vita, su come ti senti, con chi sei, ecc. Ogni posto può sembrare incredibile se sei di buon umore e con persone fantastiche. Ma se dobbiamo nominare alcuni luoghi estremamente belli direi: le cascate dell’Iguazú vicino al confine di Paraguay, Argentina e Brasile, Islanda, i vulcani cileni, il nord del Cile/Bolivia (la zona di San Pedro de Atacama), le Alpi austriache, l’Hokkaido perché è il paese delle meraviglie invernale e le Alpi giapponesi perché sono semplicemente fantastiche!

 

Viaggiare così tanto cosa vi ha insegnato?

Abbiamo imparato ad apprezzare sempre di più quello che abbiamo nelle nostre case, quanto siamo fortunati ad essere in grado di vedere così tanti bei posti e incontrare persone meravigliose sulla strada.

Inoltre si impara a vivere in modo più semplice, perché in un furgone non puoi trasportare molte cose e devi concentrarti su quelle basilari. Ma quando passi 2 mesi con solo un paio di pantaloni e 2 felpe ti rendi conto che non hai bisogno di così tanta roba.

Si impara anche a vivere con poca acqua e a cucinare in una piccola cucina, in pratica ti insegna a vivere in modo più sostenibile.

 

Se qualcuno si volesse aggregare a voi è possibile?

Dall’anno scorso abbiamo deciso di aprire le porte del nostro van e di avviare la nostra compagnia di visite guidate verso le nostre destinazioni preferite in Austria, Giappone e Cile. Il nostro progetto in sé è qualcosa che non abbiamo mai pianificato, è venuto naturale e molti dei nostri follower ci hanno chiesto di unirsi nel corso del tempo. Il nostro progetto si chiamerà Life in White Adventures e la nostra filosofia è piuttosto semplice: vogliamo per i nostri clienti ciò che vogliamo per noi stessi: il powder. Ecco perché i nostri tour sono dinamici, pianifichiamo il percorso solo una settimana prima della partenza e andiamo solo con gruppi molto piccoli, massimo 4 persone.

“La bellezza di ogni posto non si basa solo sul luogo stesso, ma anche sul momento della tua vita, su come ti senti, con chi sei, ecc. Ogni posto può sembrare incredibile se sei di buon umore e con persone fantastiche.”

Prossime avventure?

Nell’emisfero settentrionale abbiamo tantissime destinazioni sulla nostra lista dei desideri:

Europa orientale (Turchia, Grecia ma anche Kazakhstan, Georgia e persino Iran!)

Nell’emisfero meridionale vorremmo esplorare di più le Ande, in particolare l’estremo sud del Cile e dell’Argentina. Lì si trova la catena montuosa più lunga del mondo, ancora da esplorare a fondo! Ci sono centinaia di valli ancora incontaminate, così tanti luoghi che si sentiamo quasi travolti al pensiero.

 

Cosa ne pensate del riscaldamento globale e dei cambiamenti climatici?

Penso che la terra abbia dei cicli e stiamo andando verso un periodo più caldo, il problema è che gli essere umani stanno accelerando questo processo causando molto dolore ad altre specie ed a noi stessi. Dovremmo pensare a livello globale e utilizzare tutta la tecnologia e le risorse che abbiamo per combattere ed invertire tutti i danni che abbiamo causato a questo miracolo chiamato pianeta terra! Dobbiamo iniziare a pensare al pianeta nel suo insieme, perché questo è quello che è, in una scala diversa è come il nostro corpo. Immagina di essere il pianeta, il luogo in cui vivono milioni di altre creature senza le quali non potremmo sopravvivere. Lo stesso accade al nostro bellissimo pianeta, ci pensiamo sempre come un miracolo, perché è unico, non sappiamo se ci sia un altro pianeta nell’universo come il nostro, quindi dovremmo ragionare a livello globale e prenderci cura di esso prima che sia troppo tardi!

 

Avete qualche tipo di supporto? Come riuscite a perseguire la neve tutto l’anno?

Gabriel possiede una società di attrezzature per snowpark chiamata Playground, che produce boxes, rails e shapetools dal 2003.

Laura è un’infermiera e ha lavorato per innumerevoli estati e periodi tra le stagioni, ma da quando abbiamo iniziato i nostri tour guidati ci vogliamo concentrare su questo, quindi augurateci buona fortuna e se volete un’esperienza indimenticabile con questi pazzi amanti della neve contattateci!

Share this Feature